Vuoi saperne di più sul progetto?


Il fascino e la difficoltà dei Corsi di Laurea scientifici sono indiscutibili. Ma è fuor di dubbio anche il loro positivo apprezzamento nel mondo del lavoro, testimoniato da innumerevoli interventi sulla grande stampa e oggi in particolare dal “Progetto Lauree Scientifiche”, promosso dal MIUR, dalla Confindustria e dalla Conferenza Nazionale dei Presidi di Scienze con l'obietttivo di contribuire a presentare la cultura scientifica nelle Scuole Superiori e attrarre un maggior numero di giovani verso corsi di laurea per i quali l'offerta di lavoro è clamorosamente maggiore del numero dei laureati.

L’obiettivo di incentivare il numero degli immatricolati e dei laureati richiede che gli studenti della Scuola Media Superiore siano messi in contatto con la Scienza e ne sentano il fascino e la difficoltà, senza però vederla inaccessibile. Richiede inoltre che siano messi in grado di valutare prima dell’ingresso in Università le proprie capacità e l’eventuale necessità di un lavoro preparatorio allo studio universitario. La promozione degli studi in un dato settore non può infatti essere scissa da un supporto per l’autovalutazione ed il miglioramento delle proprie capacità specifiche, pena l’incremento del numero degli immatricolati, ma non dei laureati.

Il fenomeno dell’abbandono degli studi universitari nei corsi scientifici (come in altri), è complesso e dipende da molti fattori. In particolare

  1. numerosi studenti lasciano gli studi semplicemente perché hanno sbagliato la scelta del Corso di Laurea, ritenendo di avere caratteristiche e capacità che in realtà non possiedono.
  2. d'altra parte esistono studenti nei quali è possibile riconoscere le caratteristiche e le capacità necessarie, e tuttavia abbandonano per difficoltà legate allo studio specifico della Matematica o della Fisica.

Il primo gruppo di studenti pone il problema di fornire strumenti atti a valutare per tempo le proprie capacità. Il secondo gruppo contiene invece studenti potenzialmente capaci, che tuttavia arrivano all'Università senza una corretta preparazione, mancando sia di specifici contenuti sia di un metodo di studio adeguato alle materie scientifiche. Per questi studenti è importante evidenziare immediatamente le difficoltà e mostrare la possibilità di un lavoro specifico da portare avanti personalmente. Questa preparazione deve essere una scelta convinta dello studente che, possibilmente in contatto con il proprio docente di Matematica e Fisica della Scuola Media Superiore, decide di iniziare un lavoro extra, impegnativo ed essenzialmente individuale; come quello che qui proponiamo.

Siamo grati al CILEA e in particolare alla Dott. Bozzini e al Dott. Limongiello per il loro cordiale aiuto.
Salta Menu PrincipaleSalta Login